News Medico Dipendente

Medico dipendente inadempiente:

Casa di cura responsabile Tribunale, Reggio Emilia 03/04/2013 n° 618

 

Il fatto

L’attrice agiva in giudizio nei confronti della casa di cura esponendo quanto segue:

• era stata sottoposta ad intervento chirurgico;

• l’intervento, e la successiva fase post operatoria, non erano stati gestiti correttamente;

• ciò aveva causato seri problemi e la sostanziale impossibilità di deambulazione;

• con la conseguenza che aveva quindi dovuto sottoporsi a nuovi interventi e cure presso altri ospedali (che tra l’altro avevano potuto solo in parte ovviare agli errori inizialmente commessi).

 

Pertanto, domanda il risarcimento del danno (danno non patrimoniale, espressamente indicato in una lesione biologica del 10%, in una invalidità temporanea assoluta di tre mesi, in una invalidità temporanea parziale di tre mesi, in un danno estetico ed in un danno alla vita di relazione).

La casa di cura convenuta chiedeva, per quanto qui rileva: >> il rigetto della domanda; >> la chiamata in causa del medico autore dell’intervento chirurgico: ciò, in particolare:

a. deducendo il presupposto che “la causa è a lui comune”;

b. senza però svolgere domanda nei suoi confronti; difatti, il medico, ritualmente evocato in giudizio, si costituiva evidenziando che nessuna domanda di garanzia, manleva o regresso, era stata spiegata nei suoi confronti.